Warning: Declaration of PLL_Walker_List::walk($elements, $args = Array) should be compatible with Walker::walk($elements, $max_depth, ...$args) in /home/neofotis/public_html/wp-content/plugins/polylang/include/walker-list.php on line 0
 

La radiazione solare è una delle principali cause di lesioni cutanee, benigne e maligne. La Grecia è un paese con una maggiore esposizione al sole e alle radiazioni solari. Il buco nell’ozono, la maggiore professione luce solare, o l’esposizione al sole per ottenere pelle abbronzata mediante informazioni incomplete al pubblico contribuiscano in modo che negli ultimi anni hanno aumentato l’incidenza delle lesioni cutanee maligne.

La diagnosi precoce e il trattamento possono sollevarci da problemi spiacevoli. Le lesioni più comuni sono epitelioma vasokyttariko (BCC), squamose epitelioma cellulare (SCC) e il melanoma. La predisposizione famiglia, singole caratteristiche, l’esposizione alla luce solare e irritazione cronica sono fattori predisponenti per lo sviluppo di queste lesioni.

Processo

επιθηλίωμα,ακανθοκυτταρικό,βασοκυτταρικόDopo aver individuato una lesione sospetta, la rimozione pianificata del chirurgo plastico, che si assicurerà che l’esclusione totale e per il ripristino funzionale ed estetico del deficit. Quindi viene esaminato istologicamente per determinarne la natura. L’epitelioma vasokyttariko (BCC), è la meno aggressiva di queste lesioni e la più alta percentuale di esenzione totale è sinonimo di guarigione. Squamose epitelioma cellulare (SCC) metastatizza ai linfonodi regionali e richiede un più attento monitoraggio da parte del medico. Infine, il melanoma è una malattia complicata con tassi di guarigione significativi quando la diagnosi e il trattamento precoci vengono eseguiti. Infine decidere se perseguire un ulteriore trattamento che può essere un intervento chirurgico (resezione più ampia, linfonodo sentinella, dissezione linfonodale) o non chirurgico (immunoterapia, chemioterapia).

Se la malattia è in una fase iniziale, e saranno tutti gli esami necessari per la messa in scena, in collaborazione con l’oncologo deciderà il piano di trattare con esso. Quindi il paziente viene monitorata ad intervalli regolari da un chirurgo plastico e sottoposto a laboratorio e di imaging di controllo sia per il controllo delle malattie e il trattamento e per la prevenzione delle recidive.